Fandom

PaperPedia Wiki

Topolino (libretto)

3 320pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi
Disambigua Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Topolino (disambigua).


Temporanea.png
Articolo d'attualità!
Le informazioni qui riportate potrebbero non essere aggiornate.
Paperino originale.png Questo è un articolo dal contenuto originale

Creato integralmente dalla comunità di PaperPedia.

Topolino (libretto)
Topolinolibretto 1.jpg
Informazioni
Editore:
Primo numero:aprile 1949
Ultimo numero:in corso
Periodicità:mensile, poi quindicinale ed infine settimanale
Numero albi:In continuo aggiornamento (3000+)
Pagine:Variate negli anni (164)
Prezzo:2,50€

Topolino è un periodico Disney, edito dall'aprile 1949, attualmente in pubblicazione con cadenza settimanale ad un prezzo di 2,50€. È la testata di punta della Disney Italia e anche la più longeva, avendo ormai superato la soglia dei tremila albi pubblicati.[1]

Cronologia dei direttoriModifica

StoriaModifica

Lente.png Per approfondire, vedi la voce Topolino (giornale).

Dal 1932, anno della sua creazione, al 1949 Topolino usciva con cadenza settimanale e si presentava come un giornale a fumetti (sulla falsa riga del Corriere dei Piccoli), in tutto vennero realizzati 738 numeri.

Nell'aprile 1949, sotto la direzione di Mario Gentilini, Topolino acquisiva infine il suo caratteristico formato "libretto". La numerazione rincominciò dal numero uno e la pubblicazione dapprima era mensile, poi quindicinale e infine, dal 5 giugno 1960, ritornò ad essere settimanale.

Classicamente la storia del periodico Topolino si divide in due parti: la prima serie inizia nell'aprile 1949 e finisce nel 2 luglio 1967. Mentre la seconda arriva sino ai giorni nostri.

Gli anni quaranta e cinquantaModifica

Nel 1948 Giorgio Mondadori uno dei figli di Arnoldo si reca a Burbank in visita agli studi d'animazione Disney, dove incontrò lo stesso Walt Disney, che gli chiese di trasformare il periodico italiano da testata antologica a un albo contente esclusivamente materiale Disney. Per esigenze di stampa il nuovo fumetto venne ridimensionato a formato tascabile e trovò subito un apprezzamento inimmaginabile tra il pubblico, che stupì l'editore stesso, il cui interesse principale era solo quello di accontentare Disney e non perdere l'esclusiva dei diritti di copyright.[2] Nell'aprile del 1949 fu pubblicato il primo numero e, nello stesso anno, venne creata anche la famosa storia di Guido Martina: L'Inferno di Topolino, che inaugurava il genere parodistico Disney. Nei primi anni le pubblicazioni avevano una cadenza mensile, anche se nei mesi di luglio del 1950 e 1951 uscirono due numeri nello stesso mese. Il numero delle pagine di ogni numero era 100 mentre il prezzo di copertina era di 60 lire.
Inizialmente il progetto editoriale prevedeva che i libretti fossero raggruppati in raccolte di sei numeri, chiamati fascicoli. Per questo la numerazione delle pagine continua da un numero ad un altro, realizzando, così, alla fine di ogni semestre, una sorta di volume disneyano.

Pur essendo un fascicolo italiano le storie presenti erano in gran parte di produzione americana. Tra le poche storie italiane pubblicate in quegli anni si deve ricordare Topolino e il cobra bianco iniziata nel Topolino giornale e conclusasi sul primo numero del libretto.

Nel 1952 Topolino diventò quindicinale in seguito ad un referendum fatto fra i lettori e basato sull'invio di una cartolina presente nel numero 8. Questo cambiamento portò ad un aumento del prezzo dell'abbonamento. L'anno successivo venne modificata anche l'impaginazione del libretto non più spillata ma brossurata.

Nel 1955 le storie italiane prodotte erano salite al numero di otto tra le quali una delle più belle è Paperino e il misterioso Mister Moster di Guido Martina e Giovan Battista Carpi.
Dal numero 148 aumentò anche il numero delle pagine, che giunsero a 132 e di conseguenza salì a 100 lire il prezzo del libretto. A partire dal numero 145 venne effettuata un'altra modifica nell'impaginazione del fumetto poiché sparirono dalla costa di copertina le immagini con i personaggi disneyani.

Gli anni sessantaModifica

Il 5 giugno 1960 Topolino, a partire dal numero 236, diventò settimanale; e il prezzo scese a 80 lire. In quest'anno avvenne anche il debutto di Brigitta, nella storia Zio Paperone e l'ultimo balabù, scritta e disegnata da Romano Scarpa.
Il 27 giugno 1965 uscì il numero 500 che essendo un numero speciale era composto da ben 180 pagine al prezzo di 150 lire. Il numero conteneva inoltre una lettera dello stesso Walt Disney che si complimentava con il direttore Mario Gentilini per l'importante traguardo raggiunto.

Nel 1966 sui numeri 542 e 543, uscì la storia di Carlo Chendi e Carpi intitolata Paperino missione Bob Fingher, da sempre considerata come la storia "madre" della P.I.A.. In quello stesso anno Romano Scarpa inventò Paperetta Yè Yè, altro personaggio che andava ad ampliare l'universo dei paperi. Sul numero 578 venne pubblicata una lettera commemorativa per ricordare Walt Disney, scomparso il 15 dicembre del 1966.

Nel 1967, con il numero 605, finì la prima serie del giornale. La seconda serie è caratterizzata perché venne scelto il caratteristico fondo giallo per la grafica del dorso, così come è utilizzato anche oggi. In quell'anno esordì sul numero 611 il giovane e talentuoso disegnatore Giorgio Cavazzano.
Nel 1969 sui numeri 706-707, fece la sua prima comparsa Paperinik nella storia Paperinik il diabolico vendicatore.

Gli anni settantaModifica

La seconda serie iniziò il 2 luglio 1967 ed arriva fino ai giorni nostri. Nel 1972 (nel numero 873, 20 agosto) comparve Reginella, personaggio creato dagli autori italiani Rodolfo Cimino e Giorgio Cavazzano. Il 1973 fu segnato dall'Operazione Quack, la più lunga iniziativa con gadget intrapresa dal fascicolo: durò infatti ben undici settimane. L'iniziativa era una collezione di francobolli metallici dorati ciascuno dedicato a un diverso personaggio Disney. Ogni francobollo veniva accompagnato da una storia in cui era protagonista quello specifico personaggio.

Nel 1974 la coppia di autori Guido Martina e Giovan Battista Carpi crearono i personaggi Topolino Kid e Pippo Sei-Colpi, nel tentativo di realizzare un alterego anche per Topolino così come pochi anni prima era stato fatto per Paperino.
Il 26 gennaio 1975 uscì il numero 1000 e sempre in quell'anno Romano Scarpa creò Bruto, il figlioccio di Gancio. Nel 1977 il prezzo della rivista era salito ormai a 400 lire. In quell'anno fece la sua prima apparizione il malefico Plottigat ideato sempre da Scarpa.

Gli anni ottantaModifica

Negli anni ottanta la rivista subì numerose modifiche.
Innanzitutto nel 1980 Gaudenzio Capelli diventò il nuovo direttore sostituendo lo storico direttore Mario Gentilini che aveva guidato il periodico sin dal 1949. Poi l'anno successivo il numero 1370 non venne stampato a causa di uno sciopero del personale.

Nel 1984 uscì il numero 1500 e il prezzo della rivista era salito a 1000 lire.
Infine il 1988 vide la conclusione del cosiddetto Periodo Mondadori infatti il fumetto non fu più pubblicato dalla casa editrice Arnoldo Mondadori Editore, ma dalla Walt Disney Italia.
Inoltre dal 1989 per le storie italiane, e successivamente anche per quelle straniere, vennero indicati gli autori di sceneggiatura e disegni di ogni storia. Prima invece l'unica firma universalmente accettata per le pubblicazioni Disney era quella di Walt Disney stesso nonostante fosse morto da ormai vent'anni.

Gli anni novantaModifica

Dal 1993 vennero pubblicate sulle rivista unicamente storie di produzione italiana. In questo stesso anno venne istituita l'Accademia Disney la quale sino ha oggi ha contribuito a formate oltre 170 autori.
Nel 1994 Paolo Cavaglione diventò il nuovo direttore della rivista e in quell'anno un numero di Topolino costava 2.500 lire. Il 27 marzo dello stesso anno uscì anche l'esclusivo numero 2000, alla rivista era allegata anche una copia anastatica del mitico Topolino numero 1.
Nel 1999 il nuovo direttore del giornale divenne Gianni Bono. Il prezzo della rivista era salito alla cifra di 3.200 lire (1,65 €).
Nel 1997 fece la sua prima apparizione Bum Bum Ghigno. Il personaggio venne ideato da Corrado Mastantuono e fu protagonista della storia Paperino e la macchina della conoscenza. Il 12 gennaio 1999 sul numero 2250 uscì la prima avventura di Paperino Paperotto: Paperino Paperotto e il giorno più duro.

Gli anni duemilaModifica

Nel 2000 Claretta Muci divenne la prima donna direttrice della rivista.
Il 28 ottobre 2003 uscì l'esclusivo numero 2500 e il prezzo del giornale era salito a 1,90€.
Nel 2006 sul numero 2654 venne pubblicata la prima storia della lunga saga Wizards of Mickey realizzata da Stefano Ambrosio.
Nel 2007 Valentina De Poli divenne la direttrice di Topolino e attualmente ne ricopre ancora l'incarico.

Il 29 maggio 2008 sul numero 2735 faceva la sua prima comparsa in una storia omonima il personaggio di DoubleDuck ideato da Fausto Vitaliano, uno dei personaggi su cui la Disney Italia sta puntando maggiormente in questi ultimi anni.
Il n.2902 del 6 luglio 2011 è stato il primo numero disponibile anche in digitale su iPad. Il prezzo del giornale era di 2,30€.
Il numero 2979 uscito il 1 gennaio 2013 celebrava gli ottant'anni dalla pubblicazione del primo numero di Topolino in formato giornale, pubblicato il 31 dicembre 1932 dalla Casa Editrice Nerbini.
Il 22 maggio 2013 è stato pubblicato il numero 3000, un importantissimo traguardo redazionale che è stato celebrato con l'uscita di un albo doppio contenente ben 14 storie per un totale di 322 pagine.

Il giugno 2013[3], contravvenendo alla ormai consolidata tradizione di premiare sceneggiatori e disegnatori degni di merito, il sito internet Papersera.net ha scelto di premiare la stessa testata Topolino, per festeggiare sia l'uscita del numero 3000 sia l'ottantesimo compleanno dalla pubblicazione del primo numero di Topolino, allora ancora in formato giornale avvenuta nel dicembre 1932. Il premio è stato ritirato dalla direttrice di Topolino Valentina De Poli. Valentina ha voluto ringraziare il sito pubblicamente, dedicandogli un intero editoriale d'apertura sulle pagine di Topolino che è stato pubblicato sul numero 3003.[4]

Il passaggio a PaniniModifica

Topo3019.jpg

Copertina del numero 3019, primo edito da Panini Comics.

Il 31 luglio 2013, dopo numerosi segnali e voci[5] che preannunciavano la notizia, viene ufficializzata[6] la cessione in licenza a Panini Comics della divisione publishing Disney da parte di The Walt Disney Company Italia.
L'accordo prevedeva che Panini realizzi e pubblichi in Italia i periodici Disney precedentemente curati dalla divisione italiana della Walt Disney Company, con conseguente trasferimento della redazione da Milano a Modena, dove è situatla la sede centrale della Panini S.p.a. La collana Disney Libri è invece esclusa dall'accordo.

Congiuntamente alla notizia viene annunciato dall'assemblea dei lavoratori uno sciopero di due giorni per protestare contro il trasferimento della redazione nel capoluogo emiliano. Il primo agosto Disney Italia attraverso una nota congiunta con Panini S.p.A. annuncia[7] che la redazione rimarrà a Milano.

Il 19 settembre sul sito ufficiale di Topolino viene caricata[8] la copertina del numero 3019, dalla quale è immediatamente intuibile che il numero 3019 segna il passaggio a Panini: è presente il logo del nuovo editore e in un disegno di Giorgio Cavazzano Topolino si cala in una parodia del famosissimo logo delle figurine dei Calciatori Panini.
Il marchio Disney rimane comunque presente in copertina, spostandosi sopra al titolo della testata.

Il cambio di editore non ha comportato alcuna variazione del prezzo di copertina. Sul numero 3019 è presente un editoriale di presentazione del nuovo editore.

Costo Modifica

Prezzo Dal numero Data
Lire 60 (euro 0,03) 1 aprile 1949
Lire 70 (euro 0,04) 22 dicembre 1950
Lire 80 (euro 0,04) 36 dicembre 1951
Lire 100 (euro 0,05) 148 10 ottobre 1956
Lire 80 (euro 0,04) 236 5 giugno 1960
Lire 100 (euro 0,05) 289 11 giugno 1961
Lire 120 (euro 0,06) 410 6 ottobre 1963
Lire 150 (euro 0,08) 605 2 luglio 1967
Lire 200 (euro 0,10) 906 8 aprile 1973
Lire 250 (euro 0,13) 975 4 agosto 1974
Lire 300 (euro 0,15) 1021 22 giugno 1975
Lire 400 (euro 0,21) 1119 8 maggio 1977
Lire 500 (euro 0,26) 1245 7 ottobre 1979
Lire 600 (euro 0,31) 1329 17 maggio 1981
Lire 700 (euro 0,36) 1378 25 aprile 1982
Lire 800 (euro 0,41) 1413 26 dicembre 1982
Lire 1000 (euro 0,52) 1464 18 dicembre 1983
Lire 1200 (euro 0,62) 1524 10 febbraio 1985
Lire 1300 (euro 0,67) 1596 29 giugno 1986
Lire 1400 (euro 0,72) 1649 5 luglio 1987
Lire 1500 (euro 0,77) 1678 24 gennaio 1988
Lire 1700 (euro 0,88) 1710 4 settembre 1988
Lire 2000 (euro 1,03) 1754 9 luglio 1989
Lire 2300 (euro 1,03) 1859 14 luglio 1991
Lire 2500 (euro 1,19) 1963 11 luglio 1993
Lire 2800 (euro 1,45) 2059 16 maggio 1995
Lire 3000 (euro 1,55) 2119 9 luglio 1996
Lire 3200 - Euro 1,65 2223 7 luglio 1998
Lire 3300 - Euro 1,70 2328 11 luglio 2000
Lire 3400 - Euro 1,76 2380 10 luglio 2001
Euro 1,80 2432 9 luglio 2002
Euro 1,90 2536 6 luglio 2004
Euro 2,00 2606 8 novembre 2005
Euro 2,10 2641 11 luglio 2006
Euro 2,20 2745 8 luglio 2008
Euro 2,30 2850 13 luglio 2010
Euro 2,40 2954 10 luglio 2012
Euro 2,50 3058 2 luglio 2014

GalleriaModifica

Voci correlateModifica

  • Topolino formato giornale, periodico edito dal 1932 al 1949.

NoteModifica

  1. [1] Topolino 3000
  2. [2] Topolino Story #1 pag 12 - Approfondimento su Topolino
  3. [3] Premio Papersera 2013
  4. [4] Editoriale di Valentina De Poli
  5. [5] Notizia di AfNews, 18 marzo 2013
  6. [6] Notizia data dall'ANSA e ripresa dai maggiori siti di notizie nazionali
  7. [7] Comunicato integrale riportato da Lo Spazio Bianco.
  8. [8] Notizia data in anteprima da Disney in edicola
Testate e pubblicazioni Disney
Pubblicazioni italiane

In corso
Topolino · Definitive Collection · Disney Big · Disney Legendary Collection · I Classici Disney · I Grandi Classici Disney · I migliori anni Disney · Le più belle storie Disney · Paperinik Appgrade · Paperino · PK Giant · Tesori International · Topolino Limited De Luxe Edition · Topolino Super Deluxe Edition · Topolino Special Edition · Topostorie · Uack!

Chiuse
Almanacco Topolino · Disney Comix · Gli anni d'oro di Topolino · I Mitici Disney · Io, Paperino · La Grande dinastia dei Paperi · Le grandi storie · Mega · Mickey Mouse Mystery Magazine · PK - Il mito · PK - Pikappa · PK² · PP8 · Paperinik · Paperinik Cult · Paperinik New Adventures · Topolino (giornale) · Topolino Story · X-Mickey · Zio Paperone

Pubblicazioni estere

KOMIX · Uncle $crooge

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale