FANDOM


Dwd0 Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Topolino (disambigua).


Paperino originale Questo è un articolo dal contenuto originale

Creato integralmente dalla comunità di PaperPedia.

Topolino
463px-Mickey Mouse normal
Informazioni generali
Nome originale:Mickey Mouse
Codice Inducks:MM
Data di nascita:18 novembre 1928
Specie:Topo antropomorfo
Genere:Maschio
Residenza:Topolinia
Creato da:
Fumetti
Debutto in:18 Novembre 1928
Parenti più stretti:


"Spero solo che non ci dimenticheremo mai una cosa: tutto è cominciato con un topo."
Walt Disney
"Topolino era Walt, e Walt era Topolino"
Frank Thomas, stretto collaboratore di Walt Disney

Topolino (in inglese Mickey Mouse) (1901) è il personaggio Disney più famoso al mondo, una delle icone più famose del Novecento riconosciuta a livello planetario e il simbolo stesso della The Walt Disney Company.

Il suo debutto è avvenuto nel 1928 nel cortometraggio Steamboat Willie, grazie all'inventiva dello stesso Walt Disney e del suo assistente Ub Iwerks; il personaggio è in seguito stato sviluppato nei fumetti soprattutto per merito di Floyd Gottfredson. In Italia e in tanti altri paesi Topolino ha un periodico omonimo a lui dedicato.

StoriaModifica

L'idea Modifica

Pare che l'idea del personaggio di Topolino sia venuta a Walt Disney mentre assieme a sua moglie viaggiava in treno da New York a Los Angeles. Erano appena scaduti i diritti di Oswald il coniglio fortunato e a Walt serviva un altro personaggio con il quale continuare a produrre i suoi cortometraggi animati, in maniera indipendente senza essere vincolato dai detentori del copyright. Inizialmente gli venne in mente un nome decisamente poco accattivante: Mortimer, ma la moglie suggerì quello definitivo: Mickey Mouse[1].

Il debuttoModifica

Walt utilizzò il suo nuovo personaggio per farlo recitare nel cortometraggio animato L'aereo impazzito (15 Maggio 1928), che però venne distribuito nelle sale cinematografiche solo dopo il più famoso Steamboat Willie, e per questo motivo tale pellicola è considerata il debutto ufficiale di Topolino.
Essa venne presentata per la prima volta il 18 Novembre 1928 al Colony Theatre di New York e il successo del personaggio fu veramente immediato. Molto probabilmente contribuì anche il fatto che Steamboat Willie fu il primo film d'animazione con audio sincronizzato della storia del cinema. Nel 1932 Disney vinse un Oscar per il suo famosissimo topo, che nel '35 dopo una serie di pellicole in bianco e nero, apparve finalmente a colori nel cortometraggio Il concerto bandistico[2]

Sino al 1947 Walt in persona prestò la voce al suo personaggio, a cui era veramente affezionato, per poi cedere il difficile incarico a Jim MacDonald che doppiò il piccolo topo nella più importante trasmissione televisiva per ragazzi: Mickey Mouse Club, che negli Stati Uniti andò in onda a partire dal 1955.

Topolino a fumetti Modifica

Steamboat-willie

Topolino in Steamboat Willie

Dopo sedici cortometraggi animati, finalmente Topolino esordì anche sulla carta stampata e fu protagonista delle avventure che venivano pubblicate sulle strisce quotidiane dei giornali statunitensi. Inizialmente a firmare le sue avventure erano ancora Walt Disney ai testi e Ub Iwerks ai disegni.

La prima avventura in assoluto mai realizzata è Topolino nell'isola misteriosa pubblicata nei primi mesi del 1930.

Le prime storie sono avventure semplici ed ingenue,in cui Topolino è sempre pronto al divertimento, come un monello qualsiasi di una città rurale senza nome. Tale caratteristica venne mantenuta in seguito solo sulle tavole domenicali perché dalla fine del 1930 iniziò a lavorare a questo personaggio il disegnatore Floyd Gottfredson, che trasformò completamente la personalità del piccolo topo.

Floyd GottfredsonModifica

Lente Per approfondire, vedi la voce Floyd Gottfredson.

Il 5 maggio del 1930 venne pubblicata la storia Topolino e la valle della morte, la prima opera firmata da Gottfredson, che, già dal titolo, faceva intuire come le avventure che avrebbe vissuto il piccolo topo, si sarebbero nettamente discostante da quelle classiche vicende bucoliche a cui erano abituati i lettori.

Il Topolino di Walt somigliava solo nell'aspetto a quello di Gottfredson: era un monello scansafatiche, che si divertiva a fare scherzi ai suoi amici e si sollazzava con poco e se qualche volta rimaneva coinvolto in qualche avventura non era mai per sua iniziativa.
Gottfredson nei quarantacinque lunghi anni in cui lavorò a questo personaggio, lo trasformò in un cittadino modello, perspicace, amante dell'avventura e del rischio, uno zio premuroso e quasi paterno, un fidanzato integerrimo che tuttavia, nonostante questi legami affettivi, si lascia sempre affascinare da tutto ciò che è misterioso e proibito.
Per riuscire a fare questo Floyd, aiutato da valenti sceneggiatori quali Bill Walsh, Ted Osborne e Merrill De Maris, oltre che a lavorare sul singolo personaggio, si concentrò anche sull'universo nel quale esso si muoveva. Perciò fu dato un maggior spessore psicologico a personaggi quali Gambadilegno, Pippo  e Minni e la realtà di Topolinia fu arricchita dalla presenza di numerosi comprimari come Basettoni, Eli Squick, Tip e Tap, Macchia Nera, Giuseppe Tubi e il Pirata Orango.

Dal 1942 al 1945, con lo scoppio della seconda guerra mondiale, le storie a fumetti pubblicate sui quotidiani statunitensi erano incentrate sulla propaganda bellica e lo stesso Topolino visse avventure al fronte, scontrandosi contro gli avversari nazisti. Al termine del conflitto e appresa tutta la potenzialità distruttiva della bomba atomica, Gottfredson concentrò la sua attenzione sulla pericolosa energia nucleare e la silenziosa Guerra Fredda che aveva ormai congelato i rapporti tra U.S.A. e i paesi aderenti al Patto di Varsavia. In questo periodo vennero introdotti due nuovi importantissimi personaggi: il Dottor Enigm e il bislacco Eta Beta, protagonista di un lungo ciclo di avventure.

Romano ScarpaModifica

Lente Per approfondire, vedi la voce Romano Scarpa.

Tra i gli autori che proseguirono in maniera fedele il lavoro iniziato da Floyd Gottfredson ci fu l'italiano Romano Scarpa, che assunse il Maestro statunitense a suo modello artistico ideale. Scarpa non fece un semplice lavoro di copiatura, ma utilizzò gli spunti offerti dal lavoro di Gottfredson, mischiandoli con la propria inventiva e la cinematografia dell'epoca per realizzare numerose storie a fumetti. In queste opere si respiravano le medesime atmosfere cupe e misteriose; Topolino veniva trascinato in avventure più grandi di lui da cui usciva vittorioso con molte difficoltà..

Scarpa ebbe anche il merito di riesumare numerosi personaggi che erano stati introdotti da Gotffredson in singole avventure, ma non essere mai più stati utilizzati. Tra questi si devono ricordare Macchia NeraEta Beta (su testi di Guido Martina) e il dottor Enigm. Inoltre il Maestro veneziano, così come il suo collega statunitense, ideò numerosi personaggi Disney che affiancavano Topolino nelle sue avventure tra i quali: Atomino Bip Bip, Bruto Plottigat, Topolinda, Trudy e Zenobia.

CastyModifica

Lente Per approfondire, vedi la voce Casty.

Un altro autore italiano che si è distinto per la sua opera fumettistica realizzata con il personaggio di Topolino, è l'artista contemporaneo Andrea Castellan, più noto con lo pseudonimo di Casty. Egli ha più volte dichiarato di considerare Gottfredson e Scarpa i suoi autori di riferimento[3][4]. Dagli anni duemila Casty ha iniziato a collaborare con Walt Disney Italia nel tentavo di rilanciare il personaggio di Topolino, che nelle storie moderne era stato confinato al ruolo di invincibile e perfetto protagonista, sempre in grado di risolvere ogni mistero, grazie al proprio acume e soprattutto alla goffaggine dei suoi avversari.

Le storie di Casty infatti sono caratterizzate da avversari temibili e realistici, che vogliono eliminare fisicamente Topolino e col quale non hanno stretto nessun legame affettivo nonostante i lunghi anni di scontri. Lo stesso Casty ha affermato che per rendere credibile Topolino, si devono obbligatoriamente rendere credibile gli antagonisti.[5] L'autore ha avuto il merito di riprendere alcuni personaggi ideati dai suoi due maestri artistici e pochi usati dal resto dei fumettisti Disney come: Atomino Bip Bip, Giuseppe Tubi, Spia Poeta, Nataniele Ragnatele e Miklos.

Massimo De VitaModifica

Lente Per approfondire, vedi la voce Massimo De Vita.

Un altro autore italiano che merita di essere citato per la sua opera fumettistica incentrata su Topolino è Massimo De Vita, che tuttavia non si inserisce nella continuità artistica iniziata da Gottfredson e proseguita con Scarpa e Casty.

Tuttavia De Vita, così come gli autori sopracitati, ha ampliato il numero dei comprimari che popolano le strade di Topolinia con personaggi quali i Professori Marlin e Zapotec o i parenti Top de Tops e Zio Jeremy.

De Vita si è servito di Topolino non tanto in veste di detective, ma lo ha catapultato in avventure estreme lontane dalla rassicurante tranquillità di tutti i giorni. È di De Vita la Saga della Spada di Ghiaccio, in cui Topolino e Pippo si ritrovano nelle avventurose Terre dell'Argaar a vivere una vera e propria epopea fantasy. De Vita insieme allo sceneggiatore Giorgio Pezzin, realizza il ciclo di avventure della Macchina del tempo e scaraventa il suo beniamino attraverso i secoli della storia oppure lo lancia nello spazio con la saga i Signori della Galassia.

AspettoModifica

Mickey-mousethe

Evoluzione grafica di Topolino

Inizialmente Topolino era caratterizzato da due enormi pupille dai riflessi triangolari, guanti bianchi, calzoncini rossi e scarpe grosse che, a detta dello stesso Walt Disney, servivano a conferirgli l'aria del ragazzino che indossa quelle del papà[6]. L'elemento caratteristico del personaggio erano però le due grosse orecchie a disco, disegnate in modo aprospettico, modellate sulla forma di una cinepresa dell'epoca, che sono state mantenute sino ad oggi.

Una leggenda vuole che per disegnare il cerchio della testa del primo Topolino Walt Disney e Ub Iwerks si siano serviti di alcune monete: un dollaro d'argento per un primo piano, mezzo dollaro per un campo medio e così via[6]. Alla fine degli Anni '30 il tempo della geometricità perfetta era stato ormai sorpassato e il personaggio necessitava di un aspetto più morbido e naturale. Già Gotffredson, di sua spontanea iniziativa, aveva tentato di donare maggior plasticità a Topolino, ma l'autore che venne incaricato ufficialmente dagli studio di modernizzare Topolino fu l'animatore Fred Moore, che aveva già compiuto un ottimo risultato sui Tre Porcellini e i Sette Nani. Moore definì un corpo più flessibile, concentrandosi soprattutto sullo sguardo del personaggio, sostituendo gli occhi dai riflessi triangolari con un bulbo oculare più realistico. Anche il vestiario venne modificato e le classiche braghette rosse da monello vennero soppiantate da abiti più alla moda: pantaloni lunghi, giacca, farfallino e cappello da passeggio. La nuova versione venne lanciata ufficialmente col il lungometraggio musicale Fantasia del 1940, ma già nella storia Topolino e Robinson Crusoe con la striscia del 22 dicembre 1938 si poterono notare questi cambiamenti.

In numerose recenti produzioni danesi, francesi e spagnole Topolino ha recuperato i pantaloncini rossi coi vistosi bottoni gialli che erano stati dismessi nel 1940, in Italia invece tutt'oggi prevale l'abbigliamento classico che Moore adottò su esplicite direttive degli studio.

I guantiModifica

Molte ipotesi sono state realizzate per spiegare il motivo per cui Topolino indossi i guanti. Quella più verosimile è la seguente: il personaggio debuttò nel mondo dell'animazione in bianco e nero, i guanti vennero introdotti per rendere evidente la gestualità del personaggio, che altrimenti avrebbe avuto mani nere che si muovevano davanti al corpo nero. Questa scelta venne adottata anche per tutti gli altri personaggi dell'universo dei topi che hanno una carnagione scura come quella di Topolino

Una particolarità tutta italiana della colorazione del personaggio riguarda proprio i guanti, che secondo le direttive ufficiali dovrebbero essere di colore bianco, essendo fatti di cotone. Sino agli anni '90 invece i coloristi italiani tinsero di giallo i guanti di Topolino e in generale di tutti gli altri personaggi Disney, adattandosi alla scelta compiuta nel lontano 1932 dalla Casa Editrice Nerbini.

LavoroModifica

6a00d8341c684553ef0120a6301418970c-800wi

Topolino lavora presso il Topolinia Daily.

Storia dopo storia, Topolino non ha mai trovato un lavoro fisso, ma si è visto cimentarsi spesso in varie attività. Il più delle volte Topolino è rappresentato come un detective dilettante, con una spiccata abilità nel risolvere i casi più difficili che capitano al Commissario Basettoni. In alcune storie, invece, lavorava come investigatore privato al fianco di Pippo.
Saltuariamente svolge altri lavori, come aiutante di Orazio oppure come archeologo al fianco di Indiana Pipps, ma il piccolo topo è stato persino pompiere, aviatore agente pubblicitario, musicista...

Nelle storie di Topolinia 20802[7] Topolino trova un lavoro fisso come giornalista presso il Topolinia Daily, noto giornale di Topolinia.

Topolino in ItaliaModifica

Origini e nome del personaggioModifica

Topolino n1

Il primo numero di Topolino libretto

Topolino apparve in Italia il 30 marzo del 1930 sul numero 13 del settimanale torinese "Illustrazione del Popolo". La prima striscia disegnata da Ub Iwerks, fu pubblicata sulla rivista e intitolata "Le avventure di Topolino nella giungla".
Due anni dopo uscì il primo libro illustrato, finché il 31 dicembre 1932 ad opera della Casa Editrice Nerbini, uscì il primo periodico dedicato al personaggio intitolato proprio Topolino. Stampato in formato giornale, fu la prima testata Disney al mondo[8].
Successivamente alla pubblicazione, il King Features Syndicate, il detentore dell'esclusiva dei fumetti Disney, reclamò i diritti sul personaggio e l'editore cambiò il nome della testata in Il giornale di Topo Lino (14 gennaio 1933) e l'autore Giove Toppi realizzò un personaggio separato e distinto dal Mickey Mouse americano[8]. Acquistati i diritti, la testata venne rinominata Topolino (28 gennaio 1933) e l'editore riprese la pubblicazione delle storie Disney[8].
A partire dal 27 febbraio 1942, in pieno regime fascista, Topolino venne sostituito con Tuffolino un giovane ragazzetto dalle medesime caratteristiche fisiche, disegnato da Pier Lorenzo de Vita. Solo a guerra conclusa (15 dicembre 1945) Mondadori, la casa editrice che aveva acquistato i diritti da Nerbini, riprese a pubblicare le avventure di Topolino.

Il personaggio venne chiamato con il nome di Topolino nei titoli d'apertura dello Steamboat Willie e tale nome, particolarmente evocativo, venne mantenuto anche nei cortometraggi successivi e sulla carta stampata.
L'Italia è l'unico paese al mondo a non aver lasciato alcuna traccia, nella traduzione del nome, dell'originale Mickey ideato da Walt Disney.[9] Il nome italiano si basa sul doppio senso insito nella parola Topolino che significa sia Piccolo topo, ma anche Topo (di nome) Lino. Cogliendo quest'ultimo significato, che Toppi rese più esplicito nel 1933 realizzando un personaggio distinto da quello americano, la traduzione italiana non si discosta completamente da quella inglese; anche Disney chiamò il suo personaggio Topo (di nome) Mickey.

Nell'aprile 1949 venne pubblicato un nuovo periodico sempre intitolato Topolino, ma stavolta in formato libretto. Il fumetto, inizialmente mensile, poi quindicinale e infine settimanale è tutt'oggi in pubblicazione e si è arrivati ad una cifra progressiva di oltre 3000 numeri stampati.

Serie a fumettiModifica

Sull'onda del successo degli albi spillati delle serie Paperinik New Adventures e W.I.T.C.H., la Walt Disney Italia tentò di rivedere, in chiave futuristica e moderna, il personaggio di Topolino, lanciando due serie a fumetti a lui dedicate.

MMMM - Mickey Mouse Mystery MagazineModifica

Lente Per approfondire, vedi la voce Mickey Mouse Mystery Magazine.

Mickey Mouse Mystery Magazine era un fumetto a cadenza bimestrale ideato da Simone Stenti e scritto dallo sceneggiatore Tito Faraci, pubblicato tra il Maggio del 1999 ed il Marzo del 2001. In tutto sono usciti 12 numeri di questa testata, legati tra loro da una continuità abbastanza ferrea.

Topolino si reca nella malavitosa metropoli di Anderville dopo essere stato chiamato dalla polizia locale, a seguito della scomparsa di un suo ex-compagno di università, Sonny Mitchell, della cui agenzia investigativa era formalmente socio. Disorientato dalla violenza cittadina, dal caos e dall'alienante metropoli, Topolino si troverà suo malgrado implicato in indagini e misteri, lotte tra mafie, tentativi di omicidio ben lontani dai classici casi della sua "campagnola" Topolinia.
Risulta probabilmente essere la serie più matura dedicata a Topolino, era infatti rivolta e pensata per un pubblico adulto. La rappresentazione della violenza è molto più realistica ed esplicita di quella tradizionale nel Disney italiano (anche se si può trovare un precedente nelle storie classiche di Floyd Gottfredson), con sparatorie, tentati omicid, minacce di morte, attentati dinamitardi. (Questo maggiore realismo resta comunque entro certi limiti: in effetti, nessun personaggio muore e non si fa cenno di crimini come il traffico di droga o lo sfruttamento della prostituzione). Un'altra novità è la rinuncia al trionfo completo del bene sul male. Topolino, anche se riesce in ogni episodio a sventare un crimine o salvare un innocente, non riuscirà mai ad incastrare i tre, apparentemente, rispettabili cittadini (Henry J. Lasswell,Leopold Millighan,Gloria Gump) che controllano la malavita di Anderville.

Tuttavia la Disney, a causa dell'eccessiva innovazione introdotta e delle basse vendite iniziali, non permise la prosecuzione della serie, che venne chiusa anticipatamente prima che potesse essere conosciuta dal grande pubblico.

X-MickeyModifica

Lente Per approfondire, vedi la voce X-Mickey.

X-Mickey era una serie a fumetti con cadenza mensile, costituita da trenta albi, pubblicata dal maggio 2002 all'ottobre 2004. Si rivolgeva a un pubblico molto più giovane rispetto a quello cui era rivolta MMMM.

Topolino scopre che esiste una dimensione parallela chiamata Il mondo dell'Impossibile in cui si reca assieme a Pipwolf, un alter ego mannaro di Pippo, per aiutare Manny, una versione dark di Minni. La serie è caratterizzata da atmosfere gotiche e tenebrose, ma sdrammatizzate efficacemente da un abbondante umorismo che non abbandona mai il lettore.

Topolino nelle Serie TelevisiveModifica

House of MouseModifica

In questa serie Topolino gestisce un locale chiamato appunto House of Mouse con l'aiuto dei suoi amici. Ogni episodio solitamente racconta di un disastro che succede al povero Topolino, che rischia di far chiudere il locale, che è di proprietà di Pietro il quale per contratto terra aperto il locale solo finche lo show andrà avanti

Topolino nei VideogameModifica

Topolino è stato anche protagonista di numerosi videogiochi tra i quali si ricordano sopratutto la saga di Epic Mickey nella quale si troverà a interagire con il fratellastro Oswald il coniglio fortunato per salvare Rifiutolandia da Macchia Nera e dallo Scienziato pazzo nella seconda avventura finendo per stringere una forte amicizia.
In un altro ruolo importantissimo lo vede protagonista nella serie Kingdom Hearts, saga in collaborazione con la software house Square Enix, dove Topolino ricopre il ruolo del Re del Castello Disney e garante dell'ordine e della pace nei vari mondi.

CuriositàModifica

  • Quando venne creato, Topolino non indossava i guanti bianchi, ormai noti a tutti, ma furono aggiunti solamente in seguito, in Italia tale capo d'indumento fu colorato di giallo sino agli anni novanta.
  • Nella canzone di CapaRezza "La Marchetta di Popolino" il personaggio interagisce con l'Universo Disney, ma interpreta la parte del popolo "credulone e ignorante", che secondo il cantautore pugliese sarebbe la rovina dell'Italia.[10]
  • Come rivelato nel quinto episodio della serie Raceworld, Topolino credeva che Paperino e Paperinik fossero la stessa persona, finché non li ha visti contemporaneamente (mentre in realtà Paperinik è solo stato creato dalla Fucina).

Link esterni Modifica

NoteModifica

  1. [1] Topolino - Wikipedia.it
  2. [2] Il concerto bandistico - Wikipedia.it
  3. [3] Intervista a Casty - Lo spazio Bianco.it
  4. [4] Intervista a Casty - Lustige Taschenbuecher.de
  5. Vedi intervista all'autore pubblicata su Topolino 2972 in data 6 novembre 2012.
  6. 6,0 6,1 [5] Topolino Story #1, Editoriale di Approfondimento
  7. Saga ideata e sceneggiata da Fausto Vitaliano.
  8. 8,0 8,1 8,2 [6] Topolino Story #1 pag 10 - Approfondimento su Topolino (giornale)
  9. Nomi di Topolino nelle diverse lingue
  10. [7] La Marchetta di Popolino. CapaRezza
Personaggi
Gli abitanti di Topolinia

La famiglia Mouse
Albemarle Topi  · Jeremy Mouse  · Massimiliano Topo  · Melody e Millie  · Minni  · Tip e Tap  · Top de Tops  · Topolinda  · Topolino  · Topolino Kid

La gens Pippa
Gilberto de Pippis  · Indiana Pipps  · Max Goof  · Nonna Peppa  · Pippo  · Pipwolf  · Sfrizzo de Pippis  · Super Pippo

Amici e altri parenti
Atomino Bip Bip  · Bruto  · Capitan Mastrorocco  · Clarabella  · Commissario Basettoni  · Cugino Hobi  · Duepiedi  · Eta Beta  · Estrella Marina  · Eurasia Tost  · Flip  · Gancio  · Ice  · Ispettore Manetta  · Marlin  · Manny  · Marzabar  · Musone  · Nataniele Ragnatele  · Nocciola  · Orazio Cavezza  · Ortensia (gatta)  · Oswald il coniglio fortunato  · Pacuvio  · Patrizia Porcelli  · Petulia  · Pluto  · Professor Enigm  · Rock Sassi  · Sentinel  · Toppersby  · Zapotec  · Zenobia

Nemici e avversari
 · Doctor Kranz  · Eli Squick  · Giuseppe Tubi  · Macchia Nera  · Pierino e Pieretto  · Pietro Gambadilegno  · Pirata Orango  · Plottigat  · Sgrinfia  · Spia Poeta  · Topesio  · Trudy  · Vito Doppioscherzo

Gli abitanti di Paperopoli

Il Clan De' Paperoni
Angus Manibuche de' Paperoni  · Duca Quaquarone  · Fergus de' Paperoni  · Gedeone de' Paperoni  · Jake de' Paperoni  · Matilda de' Paperoni  · Murdoch de' Paperoni  · Ortensia de' Paperoni  · Paperon de' Paperoni  · Piumina O'Drake  · Pico de Paperis  · Tuba Mascherata

Le famiglia Coot e Duck
Casey Coot  · Ciccio  · Cornelius Coot  · Della Duck  · DoubleDuck  · Gastone Paperone  · Iron Ciccius  · Elvira Coot/Nonna Papera  · Paperbat  · Paperinik  · Paperino  · Paperoga  · Quadrifoglio  · Qui, Quo, Qua

I Pitagorico
Archimede Pitagorico  · Archimedio  · Cacciavite Pitagorico  · Cartesio Pitagorico  · Copernico Pitagorico  · Edi  · Fulton Pitagorico  · Galileo Pitagorico  · Newton Pitagorico  · Signora Pitagorico

Amici e altri parenti
Battista  · Betty Lou  · Billy  · Brigitta McBridge  · Brigittik  · Bum Bum Ghigno  · Capitan Pato  · Chiquita  · Dinamite Bla  · Dolly Paprika  · Doretta Doremì  · Emy, Ely, Evy  · Fantomius  · Filo Sganga  · Fiuto Joe  · Gran Mogol  · Hank  · Imbianchino Mascherato  · Josè Carioca  · Little Gum  · Louis  · Mary Jane Ghigno  · Millicent  · Miss Paperett  · Miss Witchcraft  · Moby Duck  · Ok Quack  · Panchito Pistoles  · Paperetta Yè Yè  · Paperina  · Paperinika  · Paperino Paperotto  · Pennino  · Reginella  · Sgrizzo Papero  · Toddi Ghigno  · Tom  · Trippa  · Umperio Bogarto

Nemici e avversari
2diPicche  · Amelia  · Anacleto Mitraglia  · Azimuth  · Banda Bassotti  · Caraldina  · Cuordipietra Famedoro  · Gennarino  · Hach-Mac  · Intellettuale-176  · Lusky  · Mad Ducktor  · Maga Magò  · Marajà del Verdestan  · Mr. Invisibile  · Mr. Jones  · Minima  · Nonno Bassotto  · Ottoperotto  · Rockerduck  · Roller Dollar  · Rosolio  · Soapy Slick  · Spectrus  · Spennacchiotto  · Twin Boys  · Zafire

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale