FANDOM



The Spirit of '43
Spirit 43 - Title card - títol
Informazioni generali
Diretto da:Jack King
Prodotto da:Walt Disney
Scritto da:Carl Barks
Prima uscita:7 gennaio 1943
Dati della pellicola
Durata:5.40 min.
Lingua originale:Inglese
Personaggi:
  • Paperino
  • Spirito spendaccione
  • Spirito parsimonioso


Spirit 43 - Scrooge - Oncle Picsou - Garrepa

The Spirit of '43 (traducibile come lo spirito o il fantasma del '43) è un cortometraggio animato, creato da Walt Disney e diffuso il 7 gennaio 1943 come propaganda per la seconda guerra mondiale. In questo cartone compare un vecchio papero scozzese, di cui non si conosce il nome, identificato da molti come la prima versione di Paperon de' Paperoni[1].

Intento propagandisticoModifica

Il film viene prodotto per il governo degli Stati Uniti con il fine di sensibilizzare gli Americani nell'accettare e nel pagare una tassa aggiuntiva imposta a causa dei forti costi della guerra. Il motto del film era Taxes...To Defeat the Axis ("Tasse... per sconfiggere l'Asse"), con ovvio riferimento al Patto tripartito.

TramaModifica

In questa storia, il papero Paperino si vede diviso tra due parti della sua personalità radicalmente opposte: il thrifty saver (parsimonioso risparmiatore) e lo spendthrift (spendaccione). L'una vorrebbe invitarlo a risparmiare soldi per pagare le tasse, l'altra lo incentiva a spendere.

Le due anime, incarnate da un anziano papero scozzese, con occhialini e basette, (per la parte parsimoniosa) e da un papero giovane, con abito elegante a vita alta (per la parte spendacciona), finiscono per scontrarsi a vicenda, mettendo in mezzo Paperino, che non sa da che parte stare. In un colpo finale, le due anime vengono sbalzate da due parti opposte. L'anima spendacciona finisce contro la porta d'ingresso di un locale che, richiudendosi, assume la forma di una svastica, l'anima parsimoniosa, invece, viene sbalzata contro un muro che, scrostandosi, mette in luce una bandiera a stelle e strisce.

A questo punto, Paperino non ha più dubbi su chi scegliere, si avvicina all'anima spendacciona, che ormai lascia intravedere dei baffetti "hitleriani" sul becco, la scaccia via e corre a pagare le tasse.

Senso generaleModifica

Il cortometraggio vuole sensibilizzare la gente ad evitare l'acquisto spropositato e le spese eccessive, che alimenterebbero solo l'economia dell' "asse", mentre è molto meglio risparmiare soldi in modo da averne a sufficienza per pagare la tassa richiesta.

CuriositàModifica

  • Essendo stato realizzato per il governo degli Stati Uniti, questo è l'unico cartone di Paperino di pubblico dominio.

LinkModifica

NoteModifica

  1. Questo è più che possibile, in quanto lo sceneggiatore del cartone animato era lo stesso Carl Barks che potrebbe aver pensato di intrudurre il personaggio nelle sue storie