FANDOM





Darkenblot
Darkenblot-ep1
Informazioni
Sceneggiatori:Casty
Disegnatori:Lorenzo Pastrovicchio
Episodi:5+
Prima storia:Darkenblot - Il futuro è già qui (2012)
Ultima storia:serie in corso di pubblicazione


"Si credono furbi i detective! E invece sono solo comparse... comparse, già! Che recitano ignare... in un meraviglioso copione criminale!"
Macchia Nera

Darkenblot è una saga Disney nata da un'idea di Lorenzo Pastrovicchio e realizzata da quest'ultimo insieme a Casty. Essa narra nuove, grande sfide in chiave tecnologica fra Topolino e Macchia Nera nelle città futuristiche: Robopolis, Miraitoshi e Robotorama.

DarkenblotModifica

Con termine Darkenblot che dà il titolo alla storia, si intende il piano escogitato dal famigerato Macchia Nera per conquistare le città di Robopolis e di Miraitoshi. Più precisamente con lo stesso termine s'identifica anche l'esoscheletro autoriparante creato dal criminale per attuare il suo piano.
Alla fine dell'ultimo episodio l'esoscheletro verrà distrutto da Topolino nello scontro finale, tuttavia nonostante i danni che ha ricevuto, il lettore apprende che il macchinario è riuscito ad auto-ripararsi per l'ennesima volta. Vengono quindi lasciati spiragli per possibili storie future.

L'ideaModifica

Sin dal 2004 Lorenzo Pastrovicchio iniziò a pensare a un possibile restyling più accattivante per il personaggio di Macchia Nera, realizzando diversi studi grafici e ipotizzando alcuni possibili soggetti[1]. Tra il 2010 e il 2011, per convincere la redazione del suo progetto, disegnò tre tavole di prova che ricevettero l'approvazione di Valentina De Poli e dal suo staff.

Casty, colpito dai disegni di prova realizzati da Pastrovicchio e affascinato dall'idea di rimodellare uno dei più crudeli avversari di Topolino, si propose di collaborare alla stesura della sceneggiatura, creando il mondo nel quale la saga sarebbe stata ambientata[1]. I due fumettisti iniziarono a lavorare alla storia nel 2011 e la pubblicarono solo ad aprile 2012. Tuttavia rispetto all'idea originale, l'avventura fu rimodellata su indicazione della redazione stessa, che ridusse gli iniziali quattro episodi a tre[2].

La storia divisa in tre episodi per un totale di 92 tavole, è caratterizzata da una narrazione crescente studiata appositamente per poter pubblicare, sulle pagine di una rivista tradizionale come Topolino, un'avventura particolare che si avvicina allo stile grafico adottato per le avventure della saga di Pikappa[3].

Fonti e ispirazioniModifica

Casty ha dichiarato di essersi lasciato ispirare soprattutto da classici vecchi e nuovi della fantascienza come Metropolis (1927), Blade Runner (1982), il manga Appleseed (1985), RoboCop 2 (1990), Dredd - La legge sono io (1995), Io, robot (2004), Iron Man 2 (2010) e la saga Ghost in the Shell[1] e soprattutto dall'opera di Isaac Asimov, infatti nella storia a fumetti le tre leggi della robotica[4] sono estremamente importanti per lo sviluppo della trama.

Inizialmente l'idea di Andrea Castellan era quella di creare un'ambientazione avvenieristica, stile steampunk, ma poi ha preferito virare verso una fantascienza più realistica[1].
Lorenzo Pastrovicchio invece ha citato tra le sue principali fonti d'ispirazione artisti giapponesi come Katsushiro Otomo e Mamasume Shirow (il creatore dei già citati Appleseed e Ghost in the Shell), gli statunitensi 'Jack Kirby e John Buscema e Moebius[5].

Sotto il profilo Disney entrambi gli autori sono sempre stati molto influenzati dall'opera di Floyd Gottfredson e Romano Scarpa[5], i due autori Disney che forse sono riusciti meglio a far recitare il personaggio di Topolino. Casty ha voluto che il protagonista, nonostante la nuova sfida fantascientifica, mantenesse il suo tipico profilo bonario[1], Pastrovicchio invece ha cercato di colpire il pubblico caratterizzando Macchia Nera, il supercriminale più temibile e pericoloso possibile[5].

PersonaggiModifica

Gli eroiModifica

  • Topolino: l'eroe della serie che si ritroverà a fronteggiare il suo eterno nemico Macchia Nera, dotato di una nuovissima armatura High Tech, e nuovi potenti nemici nelle città di Robopolis, Miraitoshi e Robotorama.
  • Bernard: Uno degli ultimi agenti umani rimasti in servizio dopo la sostituzione di essi con più moderni robot poliziotti. Nella seconda storia, Bernard è ormai un ex-agente di polizia in pensione ma grazie alle sue conoscenze sarà sempre un'ottimo appoggio per Topolino;
  • Charlie: è un piccolo robottino al servizio di Bernard e dei suoi amici.
  • Tenente Zark: è uno dei poliziotti di Avangard City e insieme a Topolino seguirà l'indagine dei crimini commessi dai numerosi robot, i Darkenblot.
  • Roxette: è l'ex assistente di Kreoma.
  • Jocelyn Lane: nota conduttrice televisiva di Robopolis.
  • Tenente Neve: giovane poliziotta a capo di una squadra robot; tende a non fidarsi molto di Topolino.
  • Din Dynamo: è uno dei membri della One Team, la squadra di sicurezza di Robopolis nonché leader della sua squadra. Indossa un'armatura robotica rossa in grado di lanciare il fuoco contro i nemici. Testardo, presuntuoso, invidioso, ingenuo, ambizioso, arrogante, ma seppur generoso, coraggioso, altruista e gentile, all'inizio non sopporta Topolino e pensa che lui è il passato.
  • Skylar Vega: è un'altra dei membri della One Team, la squadra di sicurezza di Robopolis. Una ragazza molto coraggiosa e che non riesce a dire di no alle idee di Din. Indossa un'armatura robotica blu che le permette di scagliare folate di vento potenti contro i nemici.
  • Lady Berenice Grandkitten, detta Nice: è un'altro membro della One Team, la squadra di sicurezza di Robopolis. Si tratta di una ragazza molto dolce coraggiosa, graziosa, allegra e con un gran spirito di osservazione. Proviene da una famiglia molto ricca ma ha preferito vivere una vita piena di avventure. Indossa un'armatura robotica azzurra che le consente di congelare i nemici.
  • Orion Fusillis: è l'ultimo membro della One Team, la squadra di sicurezza di Robopolis. Un ragazzo molto alto e robusto, che stima molto Topolino. Indossa un'armatura robotica gialla che gli consente di scagliare lava contro i nemici.
  • Zippo: è un robot appartenente alla nuova versione die robot, ovvero, i Neurobot in grado apprendere ogni cosa solamente osservando il mondo senza dover seguire le tre leggi della robotica. Svitato, ingenuo, simpatico ma molto divertente e altruista. Dopo essere stato salvato da Topolino decide di aiutarlo.

AntagonistiModifica

  • Macchia Nera, noto anche, in questa saga, come il Supremo: l'antagonista principale della saga e la nemesi di Topolino, qui con un super esoscheletro high tech, tenterà di conquistare le città di Robopolis, di Miraitoshi e di Robotorama. Nel corso della serie stringerà varie alleanze con altri criminali che vogliono conquistare la città pur di ottenere quello che vuole e vendicarsi della sconfitta subita. Ogni volta che Macchia Nera costruisce un nuovo Darkenblot lo rende sempre più potente tecnologicamente e sempre più resistente.
  • Makandra: assistente di Mister Me, ma segretamente, una fedele alleata di Macchia Nera.
  • Nemesis, il cui vero nome è Nemo: è un prototipo di Neurobot costruito nel 1986 dal professor Nobuo che dopo aver scoperto come i robot vengono utilizzati dagli umani, a seguito dello studio delle menti malvagie, comincia a provare un odio profondo contro di essi giurando vendetta.
  • Kreoma: padrone della società Kreomatic, i Panther da lui creati come corpo di polizia furono scartati poiché ritenuti troppo spaventosi. È al servizio di Macchia Nera.
  • Mister Me: un uomo potente, ambizioso, crudele e privo di scrupoli che vuole ricoprire la carica di sindaco a qualsiasi costo alleandosi addirittura con Macchia Nera.
  • Jan Obnox: un uomo ricco, ambizioso, cinico e senza scrupoli della Obnoxius Building, che con l'aiuto dei suoi pericolosi uomini con gli esoscheletri, commette sporchi crimini impossessandosi del secondo Darkenblot di Macchia Nera, per poi dominare Robopolis.
  • Punzek: è un temibile Giustiziotto, un poliziotto robot e vice del Tenente Neve.
  • Capitan Bricco: un robot con le sembianze del vero Capitan Bricco. Tale robot è un Neurobot al servizio di Nemesis. Quest'ultimo ha sviluppato lo stesso comportamento bislacco del pirata, con la differenza che è più cattivo.

Personaggi minoriModifica

  • Minni: è la fidanzata di Topolino.
  • Persis: è il sindaco della città di Robopolis e l'unico che può annullare le tre leggi che i robot devono eseguire. Nella seconda storia, rischia di perdere la sua carica a seguito delle elezioni, a favore dell'altro candidato Mister Me, ma si rivelerà all'altezza della situazione facendo vedere quanto tiene alla città.
  • Quon: è il vicesindaco della città di Robopolis nonché la spalla su cui il sindaco Persis può sempre contare, anche nei momenti di sconforto.
  • Pattilus: ex-scienziato alle dipendenze di Mister Me che dopo essersi accorto dei danni che potrebbe causare l'energia Me prova a contattare Topolino venendo però messo fuori gioco da Macchia Nera.
  • Nobuo: è un famoso professore noto per le sue competenze in campo di robot. Nobuo è anche il creatore di Nemo, alias Nemesis, il primo prototipo di Neurobot.
  • Kuku: è il sindaco della città di Miraitoshi.
  • Kriegstreiber: è il generale e ammiraglio della flotta di Miratoishi. Non ama chi gli da consigli e pensa che ogni cosa si risolva con la forza, tuttavia sa essere ragionevole.

Storie di DarkenblotModifica

Le storie apparse fino ad ora sono:

Numero Storia Puntate Codice Inducks Data 1°
pubblicazione
Topolino
1 Darkenblot - Il futuro è già qui 3 I TL 2940-1P 3-17 aprile 2012 2940-2942
2 Darkenblot 2.0 - Regeneration 4 I TL 3024-1P 12 novembre-3 dicembre 2013 3024-3027
3 Darkenblot 2.1 - Nuovi poteri 2 I TL 3197-1P 1 marzo 2017 3197
4 Darkenblot 2: Il ritorno - Conflitto smodato 1 I TL 3198-1P 8 marzo 2017 3198
5 Darkenblot 3 - Nemesis 4 I TL 3199-1P 15 marzo-5 aprile 2017 3199-3202

Gallerie CopertineModifica

Qui di seguito una galleria delle copertine dedicate alla saga apparese su Topolino (libretto):
Topo2940 Topo2942 Topo3024 Topo3026 Topo3199

CuriositàModifica

  • Tra le vignette del secondo episodio della prima storia sono nascoste sei candeline che il lettore era inviato a trovare per poter partecipare al concorso e vincere un viaggio a Disneyland Paris per i vent'anni del parco dei divertimenti. Questa iniziativa della redazione ha comportato la modifica di alcuni disegni.
  • Il Darkenblot di Macchia Nera può essere paragonato all'armatura che utilizza Tony Stark quando diventa Iron Man o a quello dei suoi nemici con l'armatura.
  • La saga è caratterizzata da una narrazione crescente studiata appositamente per poter pubblicare, sulle pagine di una rivista tradizionale come Topolino, un'avventura fantascientifica particolare che si avvicina allo stile grafico adottato per le avventure della saga di Pikappa.
  • Nella storia Darkenblot 2: Il ritorno - Conflitto smodato, Macchia Nera usa un'arma a forma di lancia con delle lame rotanti, chiamata Alabarda Speciale, chiaro riferimento alla famosa arma del robot Goldrake, chiamata Alabarda Spaziale.
  • Nemesis ricorda un po' le caratteristiche dell'intelligenza artificiale Due, nemico di Pikappa e di Uno, e il suo volto è molto simile al simbolo dei Watchmen.

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 [1] Vedi Definitive Collection #2 - Intervista a Casty pgg 6-8
  2. [2] Vedi editoriale L'avventura di una storia pubblicato su Topolino 2940
  3. [3] Intervista a Lorenzo Pastrovicchio su LoSpazioBianco.it
  4. [4] Le tre leggi della robotica - Wikipedia.it
  5. 5,0 5,1 5,2 [5] Vedi Definitive Collection #2 - Intervista a Lorenzo Pastrovicchio pgg 9-11