FANDOM



Paperino originale Questo è un articolo dal contenuto originale

Creato integralmente dalla comunità di PaperPedia.

Arriva Pippo
Uno spalatore eccezzionale
Informazioni generali
Nome originale:Enter... Dippy Dog!
Codice Inducks:ZM 33-01-08
Sceneggiatura:
Disegni:Floyd Gottfredson
Inchiostri:Ted Thwaites
Prima uscita:8 Gennaio 1933
Prima uscita italiana:Topolino (giornale) 17 (1933)
La storia
Personaggi principali:
Numero pagine:2
Lingua originale:Inglese
Casa editrice:Walt Disney Company



Arriva Pippo! (Enter... Dippy Dog!, in originale), o Pippo e lo scacciapensieri e Uno spalatore eccezionale tra gli altri titoli italiani, è una storia a strisce disegnata da Floyd Gottfredson e scritta con Webb Smith, pubblicata l’8 Gennaio 1933 sulle tavole domenicane da Ted Thwaites. La storia costituisce l’esordio di Pippo nei fumetti.

TramaModifica

La storia ha inizio d’inverno con un Topolino impegnato nello spazzare la neve nel giardino finché non si presenta Pippo con uno scacciapensieri chiedendogli se vuole ascoltarlo mentre suona. Topolino, abbastanza scocciato, dice di no a Pippo e gli chiede di lasciarlo lavorare. Allora a Pippo viene un’idea, chiede a Topolino se ha benzina nel garage. Topolino risponde di si alla domanda e Pippo poco dopo torna in giardino con ben due bottiglie piene di benzina da un litro ognuna. 

Pippo accende un fiammifero proprio sopra la scia di benzina facendo cosi intuire a Topolino cosa vuole fare: far esplodere la neve. Cerca di avvertirlo ma quando lo fa è troppo tardi ormai Pippo ha già versato il fiammifero. Alla fine dell’esplosione, Topolino è illeso; cerca Pippo sperando che non sia esploso anche lui con la benzina, trovandolo sopra il suo albero abbastanza malridotto. Pur essendo quasi bruciato Pippo dice a Topolino di aver finito di spazzare la neve e gli chiede nuovamente di suonargli lo scacciapensieri.

La seconda parte della storia si svolge in primavera e Pippo ritorna da Topolino intento a segargli della legna chiedendogli ancora una volta di suonargli lo scacciapensieri. Topolino risponde che è troppo impegnato, e stavolta Pippo se ne va senza esitare suonando lo scacciapensieri per conto suo. Uscendo dalla casa di Topolino Pippo incontra Minni e Clarabella che stanno andando in città, quindi gli chiede se lo vogliono ascoltare mentre suona lo scacciapensieri. Minni e Clarabella rispondono che gli dispiace ma hanno un’appuntamento e non possono tardare, Pippo non dice niente e se né va sempre suonando lo scacciapensieri.

Poco dopo incontra anche un gruppo di operai già abbastanza nervosi e fa la stessa domanda, e come al solito gli viene risposto di no; allora lo chiede una seconda volta e, stavolta più arrabbiati gli operai rispondono sempre di no, dopo di che alla terza iniziano a tiragli mattoni, e uno di questi finisce sulla testa di Pippo che va all'ospedale. La storia si conclude con Pippo che finisce in stanza con una capra con il gesso intorno alla faccia, quindi chiede ancora di suonargli lo scacciapensieri, e l’ingessato, visto che non può dire di no, è costretto a sentire l’atroce assolo di Pippo con lo scacciapensieri.

Pubblicazioni ItalianeModifica

  • Topolino 17 - Uno spalatore eccezionale (1933)
  • Nel regno di Topolino 47 - Pippo ne fa una grossa (1937)
  • Topolino d'oro 8 - Pippo e lo scacciapensieri (1971)
  • Cartonatoni Disney 6 (1977)
  • Collana Special Mongo 2 - Topolino contro Wolf (1983)
  • Il messaggero 3 - Topolino contro Wolf (1987)
  • Speciale Disney 26 - Ciao Pippo - Arriva Pippo! (2002)
  • Gli anni d'oro di Topolino 33 - Nel castello incantato (2010)